You are currently viewing Il Dizionario del Cambiamento Climatico
Un dizionario completo con termini utili per orientarsi durante la COP26, la Conferenza Mondiale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici, che si sta svolgendo in questi giorni a Glasgow.

Tutti i termini utili per entrare nel vivo della questione climatica

  1. COP: l’acronimo di ” Conferenza delle Parti” e si riferisce alla riunione annuale dei Paesi che hanno ratificato la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici. La Convenzione è il principale trattato ambientale internazionale in materia di contrasto ai cambiamenti climatici, che fu firmato durante la Conferenza sull’Ambiente e sullo Sviluppo delle Nazioni Unite tenutasi a Rio de Janeiro nel 1992. L’obiettivo del trattato è quello di contrastare il cambiamento climatico e ridurre le emissioni di gas serra che sono alla base delle cause che provocano il surriscaldamento globale e il cambiamneto climatico.
  2. Clima: descrizione statistica, in termini di valori medi e variabilità sul lungo periodo (30 anni) di temperatura, precipitazioni, umidità, ecc..
  3. Sistema climatico: sistema complesso, costituito da cinque sottosistemi principali (atmosfera, idrosfera, criosfera, litosfera, biosfera).
  4. Cambiamenti climatici: variazioni del clima della Terra che coinvolgono diversi parametri climatici e meteorologici, e che persistono nel tempo.
  5. Drivers climatici: fattori fisico-chimici, di origine naturale o antropica, che influenzano il clima alterando il bilancio energetico del sistema atmosfera-Terra tramite variazione del rapporto tra radiazione solare in entrata e in uscita dall’atmosfera.
  6. Forzante radiativo (FR): la capacità di ogni driver climatico, di alterare l’equilibrio energetico del sistema atmosfera-Terra. Un Rf positivo indica un aumento dell’energia presente nell’atmosfera quindi un incremento di temperatura.
  7. Effetto serra naturale: sistema di regolazione della temperatura legato alla presenza in atmosfera di gas serra in grado di bloccare parte delle radiazioni solari e trattenere il calore necessario alla vita.
  8. Cicli climatici: variazioni regolari del clima terrestre. Si distinguono ere interglaciali ed ere glaciali , a loro volta suddivise in periodi glaciali (diminuzione delle temperature e avanzamento dei ghiacciai) e periodi interglaciali.
  9. Gas serra: sono in grado di assorbire le radiazioni infrarosse, trattenendo in atmosfera il calore da esse prodotto e attivando l’effetto serra. I principali sono: vapore acqueo, CO2, protossido di azoto, metano ed esafluoruro di zolfo.
  10. Radiazione solare: energia radiante emessa dal Sole a partire dalle reazioni termonucleari che avvengono nel suo nucleo. La quantità di radiazione solare che raggiunge la superficie del pianeta dipende da vari fattori, come l’inclinazione dell’asse terrestre e la presenza di nubi.
  11. Aerosol: sospensione di particelle di origine naturale o antropica. Possono influenzare i processi atmosferici con la formazione di nubi, l’acidificazione delle piogge e la riflessione della radiazione solare.
  12. Evento metereologico estremo: fenomeno metereologico raro, che si discosta dalla media di una determinata regione e periodo, come un uragano e alluvione.
  13. Emissioni antropiche: emissioni di gas serra, precursori dei gas serra e aerosol scaturiti da attività umane (combustibili fossili, deforestazione, gestione dei rifiuti, produzione industriale e sfruttamento del suolo e del mare.
  14. Sensibilità climatica: aumento della temperatura media globale.
  15. Percorsi alternativi di concentrazione: ipotetici scenari climatici per le emissioni e le concentrazioni di gas serra e aerosol nell’atmosfera. L’unico in line con gli obiettivi dell’Accordo d Parigi è il Rcp2.6, che prevede il picco di emissioni di gas serra nell’atmosfera tra il 2020 e il 2022 e il raggiungimento delle emissioni nette negative prime del 2100.
  16. Antropocene: il termine, coniato dal biologo Eugene Stoermer, indica l’attuale era geologica, caratterizzata dai cambiamenti apportati dall’uomo al sistema-Terra.
  17. Effetto serra antropico: eccessiva presenza di gas serra nell’atmosfera legata all’ attività umana recante un aumento della temperatura media.
  18. Carbon footprint (impronta di carbonio): totale delle emissioni di gas serra associate direttamente o indirettamente a un prodotto, a un servizio o a un’organizzazione.
  19. Sviluppo sostenibile: secondo la definizione proposta dalla Commissione Mondiale per l’Ambiente e lo Sviluppo, è il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri.
  20. Transizione energetica: passaggio da un sistema di produzione energetica che prevede l’utilizzo massiccio e prevalente di fonti non rinnovabili (in particolare combustibili fossili) a uno basato in modo prevalente su fonti rinnovabili.
  21. Fonti di energia rinnovabile: fonti non soggette a esaurimento e che non implicano la distruzione di risorse naturali (energia solare, eolica, geotermica, ecc..).
  22. Mitigazione (strategie di): l’insieme delle azioni per ridurre gli effetti negativi dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi e le attività umane.
  23. Neutralità carbonica: o ” emissioni zero”. L’equilibrio tra le emissioni nette di gas serra prodotte dall’uomo e la loro rimozione/assorbimento dall’atmosfera.
  24. Negative Emission Technologies (Net): chiamate anche Cdr (Carbon Dioxide Removal) sono le tecnologie che mirano a rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera, per esempio attraverso stoccaggio o attività di rimboschimento.
  25. Adattamento (strategie di): l’insieme delle azioni per ridurre gli effetti negativi dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi e le attività umane.
  26. Combustibili fossili: combustibili derivanti da trasformazione e fossilizzazione di sostanza organica. Per produrre energia tramite combustione si usano principalmente carbone, petrolio e gas naturale.

Margherita Monti

Antropologa ambientale, consulente internazionale per UNESCO e IUCN, si batte da anni per la conservazione e protezione della natura. Ha visitato 175 paesi del mondo, appassionata di immersioni, trekking e meditazione.

Lascia un commento